Categorie
TOUR ED ESCURSIONI

Graspo del Moro

Il MORO DAL CASTEL è un vino tipico della zona: da questo vino, appunto, prende il nome il percorso.
Ne avevo percorsi alcuni tratti ma non ero mai riuscita a farlo tutto.

Il meteo mi aveva confidato che oggi sarebbe stata la giornata perfetta per questo Tour: dopo i temporali di ieri la giornata odierna è stata ventilata al punto giusto: non troppo da impedire una pedalata sciolta ma quanto bastava per non soffrire il caldo, perlomeno nelle prime ore.

Sono partita da casa, CASTION VERONESE, poco dopo le 9,30 e in un’oretta, pedalando energicamente, sono arrivata a Lazise, dove mi sono incontrata con Gloria e Massimo che hanno portato le bici con l’auto.

Da LAZISE siamo arrivati in Località PIGNO per imboccare il GRASPO DEL MORO, che abbiamo percorso in senso antiorario, seguendo il percorso viola, quello più lungo e un po’ più accidentato.
i primi chilometri, in realtà pochi, sono forse un po’ monotoni, quasi tutti su asfalto con attraversamenti di strade abbastanza trafficate. Poi sia il panorama che la situazione cambiano e si pedala su un’alternanza di stradine in mezzo agli alberi e sterrati a tratti un po’ accidentati. Comunque mai troppo impegnativi e adatti a tutti.
Fantastica la campagna, verdissima per le abbondanti piogge di questa estate, dove i campi di granturco e i vigneti sembrano sistemati a formare quasi delle scacchiere. Uno spettacolo. Strada facendo non ci siamo fatti mancare la solita foratura.
Una breve sosta a CASTELNUOVO DEL GARDA per una bibita e un panzerotto per poi chiudere il circuito e ritornare a LAZISE.
Un arrivederci a casa a Gloria e Massimo e una volata tutta in turbo fino a CASTION, attraverso i campi dove il granturco cede il comando agli ulivi: a pochi chilometri di distanza un paesaggio completamente diverso.

A casa dopo 88 chilometri, circa 700 metri di dislivello in ascesa, su e giù per le colline e la gioia di aver passato una splendida giornata.
Non vi racconto nulla di più, per non togliervi la soddisfazione di scoprire questo splendido entroterra del GARDA.